Due giornate di convegno al Nuovo Ospedale dell’ASL di Biella su IMMIGRAZIONE ED ACCOGLIENZA

L’iniziativa, in programma martedì 22 e martedì 29 settembre, si rivolgeva agli operatori della sanità ed amministratori locali con l’obiettivo di confrontarsi sul concetto di “integrazione” e sugli interventi messi in atto sul territorio

 

 Immigrazione

 

Martedì 22 e martedì 29 settembre 2015, la Sala Convegni dell’Ospedale degli Infermi ha ospitato il convegno dal titolo “Il mio sangue è rosso come il tuo”.
Si è trattato di un incontro formativo gratuito, rivolto agli operatori della sanità ed agli amministratori pubblici locali, organizzato dal Centro Informazione Salute Immigrati (Centro ISI) del Dipartimento di Prevenzione, dal Dipartimento di Salute Mentale e dalla Struttura Complessa (S.O.C.) Formazione e Comunicazione dell’ASL di Biella, con la collaborazione di Cooperative sociali e dei Consorzi intercomunali che erogano servizi socio-assistenziali.
È disponibile il {phocadownload view=file|id=1356|target=s} .

Il dottor Giovanni Geda, Direttore del Dipartimento di Salute Mentale dell’ASL BI, spiega: “L’obiettivo è stato quello di confrontarsi sul tema dell’integrazione, intesa come superamento di modelli rigidi, paure, pregiudizi, presenti sia in chi accoglie l’immigrato sia nel gruppo di chi è accolto. Inoltre, l’incontro intendeva focalizzare l’attenzione sull’importanza di condividere il protocollo siglato dal Dipartimento di Salute Mentale e dal Centro ISI per la gestione “in rete” dei casi complessi. Questo protocollo contiene le modalità di presa in carico di pazienti extracomunitari da parte di un gruppo di medici, infermieri ed altri operatori specializzati in Etnopsichiatria, per individuare e classificare i disturbi, tenendo conto sia dello specifico contesto culturale in cui si manifestano, sia del gruppo etnico di provenienza o di appartenenza della persona”.

Le due giornate di convegno hanno preso avvio dalle ore 08.30 con la registrazione dei partecipanti, che potevano scegliere se aderire ad uno o ad entrambi gli appuntamenti. Per l’occasione sono intervenuti Medici dell’ASL, Rappresentanti della Caritas diocesana ed altre figure professionali appartenenti ad Associazioni, Consultori e Consorzi che erogano servizi di tipo socio-assistenziale in collaborazione con l’Azienda Sanitaria e che lavorano in completa sinergia per favorire l’integrazione degli stranieri.

Sotto il profilo sanitario, è il Centro ISI – Informazione Servizi Immigrati a farsi carico degli stranieri non regolari che vivono nel territorio di competenza della nostra Azienda Sanitaria. Responsabile del Servizio è il dottor Sebastiano D’Agosta, Dirigente medico del SISP (Servizio di Igiene e Sanità Pubblica) del Dipartimento di Prevenzione dell’ASL BI. Con lui collaborano i medici dottoresse Erica Garbaccio e Lorena Petrocchi, in qualità di libere professioniste con contratto di prestazione intellettuale, e i medici volontari dottoresse Elisa Caramello ed Elena Boin. L’area dell’assistenza infermieristica è gestita dalla dottoressa Federica Botta, collaboratrice professionale sanitaria esperta, mentre l’attività amministrativa è svolta da Elisabetta Avanzi.
Il Centro è in prima linea anche per la gestione dell’emergenza profughi, attraverso un filo diretto con Prefettura, Questura, altre Istituzioni, Consorzi locali e Cooperative che si occupano di questa emergenza sociale: «Negli ultimi anni, complice la crisi economica, si è ridotto il numero di immigrati che raggiungono l’Italia e il Biellese – spiega il dottor Sebastiano D’Agosta , ma sono aumentati e continuano ad aumentare i profughi che fuggono improvvisamente dalla propria terra di origine alla ricerca di migliori condizioni di vita. Gli operatori del Centro ISI si trovano a lavorare, dunque, in un contesto multiculturale, che deve essere libero da preconcetti, pregiudizi e stereotipi per poter riconoscere lo straniero come portatore di valori e di ricchezza culturale. Questo è il principio fondamentale che anima l’attività del Centro ISI e altri servizi coinvolti nella gestione degli stranieri non regolari. Il convegno servirà anche a diffondere anche questo principio”.

Tra i servizi che il Centro ISI svolge a favore degli immigrati, e che sono stati illustrati anche durante le due giornate di convegno, si ricordano, infine, le attività di educazione sanitaria, di informazione e formazione su:

  • vaccinazioni
  • malattie sessualmente trasmesse
  • malattie infettive in generale
  • igiene dell’abitazione

e l’offerta di assistenza per l’espletamento delle pratiche di richiesta di ricongiungimento familiare e per il rilascio del permesso di soggiorno.

All’interno del Centro ISI è attivo, inoltre, un ambulatorio di Medicina Transculturale, condotto da otto anni dalla psicologa dottoressa Barbara De Matteo, volto a sostenere gli stranieri più fragili nell’adattamento richiesto dall’inserimento nella nuova realtà, come si legge sul Comunicato Stampa trasmesso dalla Struttura Semplice Pubbliche Relazioni, Accessibilità e Comunicazione della nostra Azienda Sanitaria Locale.

 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]
  • Condividi

Commenti

Azienda sanitaria locale Biella. P.IVA 01810260024 - ©2017 All Rights Reserved

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi