“GIORNATA MONDIALE DELLA PREMATURITÀ”: martedì 17 novembre, all’Ospedale degli Infermi, un incontro serale per le donne in gravidanza e per le future mamme

Nel nosocomio biellese ogni anno circa 50 bambini nascono prematuramente

 

Il nido dell’Ospedale degli Infermi dell’ASL BI

 

Martedì 17 novembre 2015 ricorreva la “Giornata Mondiale della Prematurità”, manifestazione celebrata in più di sessanta Paesi del mondo per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della prematurità e per dare voce alle famiglie di questi piccoli pazienti che contribuiscono in maniera determinante alla mortalità infantile e all’incremento della popolazione colpita da handicap.

L’Azienda Sanitaria Locale di Biella ha aderito alla Giornata proponendo un approfondimento del tema in occasione dell’incontro che proprio martedì 17 novembre, dalle ore 20.30 alle 22.30 circa, si è tenuto nella Sala Convegni del Nuovo Ospedale. Si è trattato di un appuntamento che rientrava nell’ambito dei corsi di preparazione al parto e che in occasione della “Giornata Mondiale della Prematurità” era aperto anche alle donne in gravidanza che non stanno frequentando il corso e a chi vorrà diventare mamma in futuro. Ha presenziato la dottoressa Anna Perona, Responsabile della Struttura Semplice a valenza Dipartimentale (S.o.S.D.) Neonatologia dell’ASL BI, che ha parlato dei servizi garantiti dall’Ospedale degli Infermi ai piccoli che vengono alla luce prima del termine fisiologico.

In Italia, ogni anno nascono circa 50mila bambini prematuri, esposti al rischio di complicanze a breve e lungo termine, soprattutto infettive, neurologiche e respiratorie e pertanto bisognosi, sin dai primi giorni, di cure altamente specializzate, coordinate da un team multidisciplinare.

F_news_neonato_nido_2015.jpg

Presso l’Ospedale degli Infermi, se oltre il 90 per cento delle mamme partorisce nel termine fisiologico, per il 7-8 per cento il parto avviene prima. Questo dato si traduce in circa 50 neonati che ogni anno, nel nosocomio biellese, nascono prematuramente. Questi pazienti hanno bisogno di cure intensive e vengono accolti nelle termoculle della Struttura di Neonatologia. Le nove incubatrici, di cui tre di ultima generazione donate dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, sono umidificate, riscaldate e fornite di monitor per il controllo dei parametri vitali; in questo modo, viene garantito l’ambiente ottimale per lo sviluppo del neonato. La Neonatologia del “Degli Infermi” è in grado di far fronte alle emergenze, in caso di parto prematuro, disponendo di sale parto attrezzate con apparecchiature all’avanguardia, che permettono la ventilazione dei neonati con pressioni e concentrazioni di ossigeno adattate alle esigenze del singolo paziente, dotazione di cui non tutti gli Ospedali dispongono.

La dottoressa Anna Perona spiega: “I neonati patologici o pretermine, subito dopo il parto vengono ricoverati in Terapia Intensiva Neonatale, dove è garantita un’assistenza completa a tutti i nati con età gestazionale superiore alle 32 settimane e con peso superiore ai 1500 grammi. Solo una piccola percentuale di neonati che nasce prima della 32ª settimana di gravidanza o con gravi patologie respiratorie neurologiche o chirurgiche, viene trasferita presso la struttura di Patologia Neonatale dell’Ospedale “Maggiore della Carità” di Novara, che è il centro di riferimento per le malattie più gravi e complesse. Una volta superata la fase di emergenza, i neonati tornano a Biella per il proseguimento delle cure“.

L’assistenza infermieristica è all’avanguardia e si basa sul modello Primary Nursing. Si tratta di un protocollo operativo, basato su un’assistenza individualizzata e personalizzata, fortemente voluto dallo staff della Direzione delle Professioni sanitarie, diretto dalla dottoressa Antonella Croso, ed esteso a tutto l’Ospedale. Il modello, introdotto grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, è applicato anche al neonato pretermine, che viene così preso in carico entro 48 ore dal ricovero da una infermiera che diventa responsabile del percorso assistenziale del bambino per tutta la durata della degenza, 24 ore su 24.

Il personale della terapia intensiva è composto da infermiere specializzate nell’assistenza al neonato critico, inserito in un ambiente ottimale per il suo sviluppo:

  • caldo
  • confortevole
  • accogliente
  • privo di luci o rumori troppo intensi,

con le giuste stimolazioni tattili e con tutte le possibili precauzioni per ridurre il dolore e lo stress.

I genitori vengono coinvolti nell’assistenza: il neonato, appena le sue condizioni sono stabili viene appoggiato al petto della mamma o del papà. Viene praticata, così, la marsupioterapia, che fornisce tutti gli stimoli tattili, olfattivi e acustici che aiutano nella crescita. Gli studi scientifici più recenti hanno dimostrato che tutto ciò ha, in associazione a terapie mediche più invasive, un ruolo molto importante per il benessere del nato pretermine.

Nel gruppo della Neonatologia sono presenti insegnanti di massaggio infantile. Questa tecnica viene insegnata alle mamme dei nati pretermine e facilita la relazione mamma-neonato, fornendo un importante strumento di comunicazione a queste madri che non hanno potuto iniziare precocemente l’accudimento del proprio piccolo.
Tutti i neonati ricoverati in terapia intensiva vengono seguiti dopo la dimissione e per tutto il primo anno di vita da una équipe multidisciplinare composta da neonatologo, neuropsichiatria, fisiatra e oculista, per verificare la corretta crescita ed il corretto sviluppo neurologico di questi piccoli pazienti, come si legge sul Comunicato Stampa trasmesso dalla Struttura Semplice Pubbliche Relazioni, Accessibilità e Comunicazione della nostra Azienda Sanitaria Locale.

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]
  • Condividi

Commenti

Lascia un commento

Azienda sanitaria locale Biella. P.IVA 01810260024 - ©2017 All Rights Reserved

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi