140 studenti del LICEO SCIENTIFICO DI BIELLA in visita alla mostra fotografica “BLACK HANDS WHITE” allestita nell’Ospedale degli Infermi

I ragazzi hanno incontrato l’autore, il biellese Stefano Ceretti, che ha spiegato come l’idea sia nata dalla propria esperienza di malattia

 

Uno scorcio della Sala Convegni dell’Ospedale degli Infermi durante l’intervento del Direttore Generale dell’ASL BI, dottor Gianni Bonelli all’apertura dell’incontro con gli studenti del Liceo Scientifico di Biella, in occasione della mostra fotografica di Stefano Ceretti, nella mattinata di martedì 15 dicembre 2015

 

Circa 140 studenti del Liceo Scientifico “A. Avogadro” di Biella hanno visitato, nella mattinata di martedì 15 dicembre 2015, la mostra del fotografo biellese Stefano Ceretti, allestita nell’atrio del Nuovo Ospedale dell’ASL di Biella anche grazie alla collaborazione del signor Francesco Montoro.

F_news_mostra_ceretti_15122015.jpg

L’esposizione si intitola “Black Hands White” e nasce a seguito dell’esperienza di malattia che l’autore ha affrontato con autoironia e accettazione: “Nel 2001 mi è stato diagnosticato un linfoma – ha raccontato Stefano Ceretti (nella foto) ai ragazzi –. Il percorso che mi ha portato alla guarigione è stato caratterizzato da luci e ombre. Ad un certo punto, quando ogni parte del mio corpo non aveva più la forza di rispondere, stremato dalla malattia e dalle chemioterapie, comunicavo le mie emozioni attraverso le mani. Da questa esperienza ho tratto ispirazione per la realizzazione di “Black Hands White”. È una serie di 45 scatti in bianco e nero che immortala le mani di due persone di colore. Ho fatto questa scelta perché il contrasto tra il dorso scuro e il palmo chiaro sottolinea il dualismo dell’esistenza umana, fatta di momenti positivi e periodi negativi, come quelli che ciascuno, per un motivo o per un altro, vive nella propria esistenza“.

Stefano Ceretti ha esposto gli scatti di “Black Hands White” anche a Milano, Berlino e New York ed è pertanto prestigioso poterne disporre anche all’interno del Nuovo Ospedale, come spiega il dottor Gianni Bonelli, Direttore Generale della nostra Azienda Sanitaria Locale: “Il Nuovo Ospedale è un luogo di cura e di cultura, perché la presa in cura della persona avviene a 360 gradi, sia sotto il profilo clinico sia sotto il profilo psicologico ed emozionale. Artisti biellesi di fama internazionale (Michelangelo Pistoletto, Ugo Nespolo, Omar Ronda), hanno già firmato alcuni degli allestimenti presenti nel Nuovo Ospedale e la possibilità di avere qui la mostra temporanea di Ceretti, con la collaborazione di Francesco Montoro, che ringrazio, si inserisce in questo contesto di valorizzazione della struttura sotto il profilo culturale“.

All’incontro tra Stefano Ceretti ed i ragazzi del Liceo Scientifico era presente anche il Dirigente scolastico professor Donato “Dino” Gentile, che ha ripercorso la storia della fotografia con riferimenti specifici al patrimonio fotografico del territorio biellese ed ai suoi protagonisti: “Era la metà dell’Ottocento quando Giuseppe Venanzio Sella, fratello del ministro Quintino Sella, si interessò di fotografia. Ha scritto il “Plico del fotografo”, un vero e proprio manuale teorico e pratico, che ha realizzato attingendo dalle sue conoscenze in ambito chimico. La tradizione della fotografia biellese è proseguita con esempi illustri nel corso dei decenni. Oggi, la possibilità per gli studenti di visitare la mostra di Ceretti è un ulteriore esempio della preziosa collaborazione ormai consolidata tra l’Azienda Sanitaria e il nostro Istituto scolastico“, come riportato nel Comunicato Stampa trasmesso dalla Struttura Semplice Pubbliche Relazioni, Accessibilità e Comunicazione dell’ASL BI.

 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]
  • Condividi

Commenti

Azienda sanitaria locale Biella. P.IVA 01810260024 - ©2017 All Rights Reserved

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi