IL TRAUMA NEI MIGRANTI: come gestirlo e come affrontarlo. Un corso specifico pensato per gli operatori

Il 25 febbraio e il 10 marzo il dottor Roberto Bertolino è stato all’ASL di Biella per insegnare le tecniche migliori per gli addetti ai lavori

 

Immigrazione

 

Partire dalla sofferenza psichica, comprenderla fino in fondo per costruire un trattamento “ad personam” e riuscire a curare al meglio. È stato pensato e ideato, con il proposito di andare più a fondo, il corso di formazione – in programma giovedì 25 febbraio e giovedì 10 marzo 2016 nell’Aula Monte Mucrone dell’ASL di Biella – “Comprendere il trauma e il PSTD (disturbo post traumatico da stress) nei migranti”.

Un tema delicato e di grande attualità; è sempre più elevato, infatti, il numero di migranti e richiedenti asilo che presentano disturbi e fragilità legate a disagio mentale. L’obiettivo del corso è stato quello di fornire a tutti coloro che ogni giorno si interfacciano con questi pazienti nozioni non solo teoriche, ma anche pratiche.
Ad illustrarle è stato il dottor Roberto Bertolino, psicologo e psicoterapeuta dell’Associazione Frantz Fanon. Un percorso professionale, il suo, con numerose esperienze di supervisione di operatori e progetti legati all’accoglienza migranti e richiedenti asilo. Il dottor Bertolino è anche Responsabile delle attività cliniche all’interno di due Comunità terapeutiche sperimentali per richiedenti asilo politico (una maschile ed una femminile), affetti da problematiche di natura psicologica e psichiatrica.

Promosso dalla Struttura Complessa (S.O.C.) Formazione e Comunicazione della nostra Azienda Sanitaria Locale, il corso era rivolto soprattutto a:

  • gli operatori del Dipartimento di Prevenzione (Centro ISI e SISP)
  • gli operatori del Dipartimento di Salute Mentale
  • gli operatori del SERD
  • il personale della Neuropsichiatria Infantile

che spesso prendono in carico casi di migranti o richiedenti asilo.
Tra i destinatari anche operatori della Questura e della Prefettura.

Il corso è stato fortemente voluto dal Direttore del Dipartimento Interaziendale di Salute Mentale, dottor Giovanni Geda, e dal Direttore del Dipartimento di Prevenzione dell’ASL BI, dottor Luca Sala, come “un percorso formativo specifico, che non può limitarsi al seppur essenziale aspetto clinico, ma che ha l’obiettivo di maturare una competenza che allarghi i confini della medicina tradizionale integrandoli con altre discipline quali la sociologia, l’antropologia e l’etnopsichiatria. Le due giornate di formazione si focalizzeranno sia sull’aiuto psicologico immediato, che sull’integrazione ed il supporto a lungo termine, dei quali necessitano le persone che hanno vissuto in zone di conflitto. Un intervento sbagliato o intempestivo può portare a sottovalutare alcune situazioni meritevoli di attenzione e al contrario può etichettare come “psichiatriche” situazioni che sono “reazioni normali a situazioni abnormi” o il prodotto di un patrimonio culturale per noi a volte di difficile comprensione“, come si legge sul Comunicato trasmesso dall’Addetto Stampa della nostra Azienda Sanitaria Locale.

 

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]
  • Condividi

Commenti

Azienda sanitaria locale Biella. P.IVA 01810260024 - ©2017 All Rights Reserved

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi