Uno studio per valutare gli effetti della RADIOTERAPIA su pazienti trattati per tumore alla prostata

L’ASL BI coinvolta in un TRIAL CLINICO con altre importanti realtà ospedaliere

 

Acceleratore lineare all’Ospedale dell’ASL di Biella

 

L’ASL di Biella partecipa ad un studio per valutare gli effetti della radioterapia in pazienti con tumore alla prostata. Un lavoro inserito recentemente tra i “clinical trials” dal National Institute of Health (Ministero della Salute degli USA). Un progetto di ricerca promosso dal San Raffaele di Milano a cui l’ASL BI è stata invitata a partecipare in collaborazione con altre importanti realtà sanitarie nazionali, tra cui:

  • Istituto Tumori di Milano
  • IRCCS di Candiolo (TO)
  • Istituto “Regina Elena” di Roma.

Con le tecnologie disponibili nel Nuovo Ospedale dell’ASL di Biella è possibile erogare trattamenti radioterapici estremamente complessi. L’apporto messo a disposizione dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Biella ha, infatti, permesso di poter contare su macchinari in grado di eseguire trattamenti altamente sofisticati, come la radioterapia ad intensità modulata.

Iniziato a maggio 2016, questo studio punta ad analizzare gli effetti che la radioterapia produce nel tempo, in particolare quali conseguenze essa può determinare sul midollo osseo e di conseguenza sulla parte corpuscolata del sangue (globuli rossi, bianchi, piastrine, ecc.) valutando inoltre la tossicità a livello intestinale e vescicale. Aspetti, questi ultimi, di cui al momento si conosce poco e che proprio per questa ragione sono oggetto di indagine. Spesso, infatti, i pazienti con tumore alla prostata dopo l’intervento chirurgico urologico vengono sottoposti a radioterapia con l’obiettivo di eliminare eventuali micro metastasi, presenti ma non visibili. Poco si conosce sugli effetti collaterali che questo trattamento, eseguito con apparecchiature moderne e sicure, determina sulla funzionalità di alcuni organi, come intestino e vie urinarie.

I pazienti selezionati eseguono un emocromo prima di essere sottoposti al trattamento e vengono poi rivalutati a distanza di tre e sei mesi per comprendere quali alterazioni entrino in gioco.

La validazione come trial clinico valorizza l’obiettivo che l’ASL BI si è posta di puntare anche sulla ricerca, come ulteriore motore di sviluppo per le attività cliniche svolte ogni giorno all’interno dell’Ospedale, come si legge nel Comunicato trasmesso dall’Addetto Stampa della nostra Azienda Sanitaria Locale.

 

[Voti: 2    Media Voto: 2/5]
  • Condividi

Commenti

Azienda sanitaria locale Biella. P.IVA 01810260024 - ©2017 All Rights Reserved

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi