Gruppo Farmacisti ed Équipe di Malattie Infettive dell’ASL BI, con anticorpi monoclonali

Anticorpi monoclonali

La prima somministrazione di anticorpi monoclonali è avvenuta nella mattinata di lunedì 5 aprile 2021, all’Ospedale dell’ASL di Biella su una donna di 72 anni, affetta da SARS-CoV-2, le cui condizioni cliniche rientravano nei requisiti previsti per il trattamento. Nell’ambito della Regione Piemonte è stata, infatti, individuata anche la nostra ASL tra i Centri prescrittori.

La paziente è giunta in Pronto Soccorso ed è stata trasferita presso il Reparto di Pneumologia – Malattie Infettive, dove è stata sottoposta ad una flebo di anticorpi monoclonali per poi rientrare al domicilio sùbito dopo il periodo di osservazione. Non ha manifestato, infatti, alcun effetto collaterale e ora continuerà ad essere seguita dai Medici USCA, con monitoraggi periodici.

L’utilizzo degli anticorpi monoclonali nell’infezione da SARS-CoV-2 lieve-moderata, avviene all’interno di uno studio autorizzato da EMA e da AIFA. Quando i Medici sul territorio, in particolare Medici USCA, identificano un potenziale paziente idoneo a tale terapia, provvedono a segnalarlo tempestivamente come possibile candidato.

I requisiti necessari sono presenza di sintomi lievi o moderati, in soggetti positivi al COVID ad uno stadio iniziale della malattia, ma che presentino fattori di rischio predefiniti (quali grave obesità e patologie croniche importanti, come pazienti in dialisi, ecc.) che possono peggiorare il quadro clinico con conseguente ricovero in Ospedale. Il Medico infettivologo ospedaliero, una volta ricevuta la segnalazione, provvede tramite il registro dell’AIFA a prescrivere lo schema terapeutico. Tale scheda verrà inoltrata dalla Farmacia del nostro Ospedale alla Farmacia dell’Azienda Ospedaliera di Novara che provvede a fornire gli anticorpi.

La terapia prevede una combinazione di due tipi di anticorpi monoclonali, preparati sotto forma di flebo presso la Struttura Complessa (SC) Farmacia Ospedaliera, diretta dalla dottoressa Laura Lanzone.

Gruppo di Malattie Infettive con il Direttore Sanitario ASL BI, dottor Francesco D’Aloia (il primo a sinistra)

A seguire la prima paziente di lunedì 5 aprile è stata la dottoressa Anna Lingua, Medico infettivologo insieme all’équipe dell’area di Malattie Infettive, con la collaborazione della Coordinatrice infermieristica Paola Prelato Salmaso e del personale infermieristico di Reparto e dei Farmacisti ospedalieri in turno, Stefania Terziotti e Davide Feletti.

L’obiettivo principale dell’associazione di tali anticorpi monoclonali è quello di ridurre i sintomi e migliorare il quadro clinico – spiega la dottoressa Anna Linguagrazie alla diminuzione della quantità di virus all’interno dell’organismo di questi pazienti. Tutto ciò anche al fine di evitare il più possibile la necessità di ricovero in ambiente ospedaliero”.

L’introduzione anche all’Ospedale di Biella degli anticorpi monoclonali – commenta l’avvocato Diego Poggio, Commissario ASL BI – può contribuire a dare una risposta clinica ad una tipologia di pazienti a rischio, che in caso di infezione da COVID-19, possono andare incontro a sintomatologie che richiedono il ricovero ospedaliero. In settimana sono previste altre quattro somministrazioni a pazienti che rientrano nei requisiti per analoghe problematiche cliniche. Ricordiamo che si tratta di trattamenti mirati e applicati nell’ambito di studi clinici e che la prevenzione e le vaccinazioni sono il principale scudo di difesa contro il COVID; per questo motivo è importante che anche in questa fase la popolazione continui ad osservare le norme di distanziamento sociale e l’igiene delle mani. A livello organizzativo costituisce un elemento fondamentale la collaborazione tra Territorio e Ospedale, che consente di individuare correttamente e con tempestività i pazienti candidabili a queste terapie”, come si legge nel Comunicato Stampa trasmesso dalla nostra Azienda Sanitaria Locale.