allerta peste suinaCinghiale (immagine tratta da Piemonteinforma)

A seguito delle recenti disposizioni diramate dal Ministero della Salute in relazione all’allerta peste suina, anche il Dipartimento di Prevenzione dell’ASL BI, come da indicazione della Direzione regionale Sanità e Welfare per l’intero Territorio piemontese, ha intrapreso tutte le misure precauzionali previste per il contenimento del contagio. Al momento nel Biellese comunque non si registrano casi.

A tal riguardo, il Dipartimento di Prevenzione dell’ASL BI ha provveduto a predisporre e trasmettere una nota agli allevatori di suini con impianti di consistenza maggiore di 30 capi, ai conduttori di allevamenti a carattere semibrado e a quelli di allevamenti familiari. Sono inoltre state predisposte indicazioni per i Sindaci del Territorio di competenza in merito a possibili ordinanze di carattere locale e per eventuali verifiche sugli allevamenti di suini a carattere familiare.

Il Servizio Sanità Pubblica Veterinaria e Sanità Animale del Dipartimento di Prevenzione della nostra ASL inoltre rivolge un appello alla cittadinanza, sempre a titolo precauzionale per quanto concerne la gestione dell’allerta peste suina: “L’invito per chi corre o passeggia nei boschi è di telefonare immediatamente a una delle Autorità competenti (ASL e Provincia di Biella, oltre a 118 nelle giornate di sabato e festivi) per segnalare la presenza di eventuali carcasse di cinghiale, di modo da poter coordinare tempestivamente un intervento di controllo”, come riportato nel Comunicato Stampa trasmesso venerdì 21 gennaio 2022 dalla nostra Azienda Sanitaria Locale.

Per maggiori informazioni o aggiornamenti, cliccare sul link di Piemonteinforma .