neonatologia neonatologyDa sinistra, Vincenzo Avellis (Medico specializzando in Pediatria frequentante l'Ospedale dell'ASL BI), il professor Paolo Manzoni (Direttore SCDU Pediatria e Dipartimento Materno Infantile ASL BI), Roberta Spola (Medico Pediatria ASL BI), Anna Perona (Responsabile Neonatologia ASL BI), Fabrizio Maria Dacquino (Medico specializzando in Pediatria frequentante l'Ospedale ASL BI), Enrico Crapanzano (Medico specializzando in Pediatria frequentante l'Ospedale ASL BI), Magdalena Sasso (Medico specializzando in Pediatria frequentante l'Ospedale ASL BI) e Alessandro Messina (Medico specializzando in Ginecologia frequentante l'Ospedale ASL BI) alla "X International Conference on Clinical Neonatology" a Torino, domenica 22 maggio 2022

L’ASL di Biella è stata protagonista dell’International Conference on Clinical Neonatology (ICCN) 2022, il più importante Congresso europeo dedicato alla Neonatologia. Direttore Scientifico dell’appuntamento di formazione e approfondimento scientifico dal respiro internazionale il professor Paolo ManzoniDirettore della Struttura Complessa a Direzione Universitaria (SCDU) Pediatria e del Dipartimento Materno Infantile dell’ASL di Biella. 

neonatologia
L’intervento di apertura del professor Paolo Manzoni, domenica 22 maggio 2022

Il Congresso Internazionale di Neonatologia, promosso congiuntamente da:

  • Università degli Studi di Torino
  • la stessa ASL BI 
  • Fondazione Crescere Insieme
  • ReSViNET(Respiratory Syncytial Virus Network) Foundation,

ha visto quindi la Pediatria e la Neonatologia della nostra Azienda Sanitaria tra le realtà più in vista del Convegno, svoltosi da sabato 21 a lunedì 23 maggio 2022 al Centro Congressi dell’Unione Industriali di Torino.

La decima edizione del Congresso ha segnato il ritorno alla partecipazione in presenza, e non solo “virtuale” come in epoca pandemica, dei relatori. L’ICCN rappresenta un’occasione di aggiornamento specialistico che trova nel confronto ampio un punto di forza, favorendo anche l’ulteriore sviluppo delle competenze di professionisti provenienti dai Paesi in via di sviluppo. È infatti proprio il carattere internazionale a contraddistinguere questo appuntamento.

Erano 49 i Paesi rappresentati da tutti i Continenti, per 345 partecipanti registrati (circa l’80% stranieri) di cui oltre 200 intervenuti di persona.

neonatologia neonatology
Il professor Daniele De Luca

Tra i Relatori diversi Specialisti di caratura internazionale come, tra gli altri i professori:

  • Daniele De Luca, Presidente della European Society of Paediatric and Neonatal Intensive Care, Direttore della Divisione di Pediatria e Rianimazione Neonatale dell’Ospedale Antoine-Béclère di Clamart e professore di Pediatria dell’Università Paris Saclay
  • Hans van Goudoever, Direttore dell’Emma Children’s Hospital di Amsterdam e professore di Pediatria dell’Università di Amsterdam.

Gli Specialisti hanno approfondito più temi legati alla gestione e al trattamento del neonato prematuro e non. Lo stato dell’arte attuale, ma con uno sguardo attento sul futuro e sulle prospettive della Medicina Pediatrica e Neonatale.

neonatologia neonatology
Il professor Hans van Goudoever

L’ambizione, rispecchiata dal filo tematico conduttore del Congresso “quoad valetudinem, not only quoad vitam”, era quella di perfezionare la qualità delle prestazioni sanitarie erogate in Neonatologia e, quindi, di permettere ai Medici ed Infermieri neonatologici di essere sempre più efficaci nel garantire ai piccoli pazienti prematuri non solo la sopravvivenza in condizioni difficili o financo estreme, ma soprattutto la crescita in pieno benessere una volta superata la fase di prematurità.

Queste tematiche sono state dibattute dai massimi Esperti internazionali nell’ambito della Neonatologia e della Medicina Perinatale, tra cui spiccava anche la presenza, a evidenziare ulteriormente il coinvolgimento dell’ASL BI, della dottoressa Bianca MasturzoDirettore della Struttura Complessa Ostetricia e Ginecologia, intervenuta sul tema della prevenzione delle infezioni neonatali trasmesse al momento del parto e in gravidanza.

Più in generale, l’evento ha rappresentato una conferma della centralità di Biella quale polo di rilevanza anche scientifica e formativa, in linea con il modello organizzativo definito con la trasformazione delle Pediatria e Neonatologia quale Struttura Complessa a Direzione Universitaria (SCDU), in piena e proficua sinergia con l’Università degli Studi di Torino.

In questi ultimi anni la Pediatria biellese ha sempre più sviluppato le sue attività, promuovendo Corsi di formazione, tutoraggio di giovani specializzandi (che frequentano la Struttura dallo scorso inverno, non appena si è completato il passaggio di Clinicizzazione universitaria del Reparto) e Studi clinici internazionali. Il tutto si esplica anche attraverso occasioni di didattica sul campo, quali il recente “live training” di formazione in ecografia cerebrale neonatale che dal 9 all’11 maggio ha unito teoria e pratica, coinvolgendo Medici del Reparto, Specializzandi e Docenti esterni presso l’Ospedale dell’ASL BI, come si legge nel Comunicato Stampa trasmesso dalla nostra Azienda Sanitaria Locale.