Descrizione del servizio/prestazione

OPUSCOLO DESTINATO ALL’UTENTE DISTRETTO 1


La legge quadro n.104 del 1992 riguarda tutti gli interventi relativi all’handicap.

IL DECRETO CURA ITALIA STANTE L’EMERGENZA CORONAVIRUS HA ESTESO LA DURATA DEI PERMESSI RETRIBUITI DA 3 A 12 GIORNI COMPLESSIVI PER I MESI DI MARZO E APRILE 2020.

Viene applicata anche nei confronti delle persone anziane portatrici di handicap, non solo a minori e adulti.

L’handicap è la situazione di svantaggio sociale che dipende dalla disabilità o menomazione e dal contesto sociale di riferimento in cui una persona vive. Viene considerato grave quando la persona necessita di un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale o in quella di relazione.

Una stessa persona può ottenere sia la certificazione d’invalidità civile, cecità o sordomutismo (vedi scheda Domanda d’invalidità civile), sia quella di handicap.

Anche le persone con invalidità diverse da quella civile (di guerra, per servizio, di lavoro) possono richiedere la certificazione di handicap.

Tale riconoscimento può portare a: /

Agevolazioni di tipo fiscale

Per quanto riguarda l’automobile, l’acquisto di ausili e protesi, le ristrutturazioni edilizie, etc., si veda il sito dell’Agenzia delle Entrate.

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ

Agevolazioni per la famiglia

    • Permessi per parenti e affini entro il secondo grado (in particolari condizioni le agevolazioni possono essere estese ai parenti e affini di 3° grado delle persone da assistere): massimo 3 giorni al mese anche suddivisi in ore, retribuiti e coperti da contributi figurativi.
    • Congedo straordinario per l’assistenza a persone con handicap grave: congedo straordinario retribuito ai familiari conviventi (per convivenza si intende anche la residenza nello stesso stabile dell’assistito). La legge prevede, per i lavoratori dipendenti, il congedo della durata di due anni, continuativo o frazionato, indennizzato e coperto da contribuzione figurativa purchè il disabile non sia ricoverato presso una Struttura Residenziale a tempo pieno.

Per tutte le informazioni sui permessi e il congedo, si veda il sito dell’INPS.

Prestazione

di tipo integrato

 

Comuni su cui è attivo il servizio/prestazione

Andorno Micca • Benna • Biella • Bioglio • Borriana • Brusnengo • Callabiana • Camandona • Camburzano • Campiglia Cervo • Candelo • Casapinta • Castelletto Cervo • Cavaglià • Cerrione • Cossato • Curino • Donato • Dorzano • Gaglianico • Graglia • Lessona • Magnano • Massazza • Masserano • Mezzana Mortigliengo • Miagliano • Mongrando • Mottalciata • Muzzano • Netro • Occhieppo Inferiore • Occhieppo Superiore • Pettinengo • Piatto • Piedicavallo • Pollone • Ponderano • Pralungo • Quaregna Cerreto • Ronco Biellese • Roppolo • Rosazza • Sagliano Micca • Sala Biellese • Salussola • Sandigliano • Sordevolo • Strona • Tavigliano • Ternengo • Tollegno • Torrazzo • Valdengo • Valdilana • Vallanzengo • Valle San Nicolao • Veglio • Verrone • Vigliano Biellese • Villa Del Bosco • Villanova Biellese • Viverone • Zimone • Zubiena • Zumaglia

 

Destinatari del servizio

Persone in situazione di handicap grave.

Requisiti

  • I destinatari devono avere la seguente età: qualunque età
  • Hanno accesso alla prestazione/servizio i cittadini con una percentuale d’invalidità di: per l’erogazione del servizio non è necessario il riconoscimento d’invalidità civile 
  • Possono accedere alla prestazione/servizio le persone di cittadinanza: italiana, comunitaria ed extracomunitaria

Altri requisiti: nessuno

 

Iter di accesso al servizio

Dal 2010 le domande per il riconoscimento dello stato d’invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità, complete della certificazione medica attestante la natura delle infermità, devono essere presentate all’INPS per via telematica (e non più alla Medicina Legale dell’ASLBI).

NB: La domanda può essere presentata anche tramite:

  • le associazioni di categoria;
  • gli altri soggetti abilitati, a cui è possibile rivolgersi per la modulistica e l’assistenza.

Procedura telematica di richiesta Invalidità – Accompagnamento

Il cittadino si reca dal medico certificatore, il proprio Medico di Medicina Generale (Medico di Famiglia).

La certificazione medica può essere compilata dal medico solo online, sul sito internet www.inps.it. Il medico, dopo l’invio telematico del certificato, consegna al cittadino la stampa firmata, che dovrà essere esibita all’atto della visita, e la ricevuta di trasmissione con il numero di certificato.

Il cittadino, una volta ottenuto il proprio PIN (vedi sotto) personale, si collega al sito internet www.inps.it e inserendo il PIN accede alla procedura di presentazione telematica della domanda. Alla domanda deve essere abbinato il numero di certificato telematico.

Dalla data di trasmissione del certificato da parte del medico, il cittadino ha 90 GIORNI di tempo per presentare la domanda.

L’avvenuta ricezione della domanda è attestata dalla ricevuta, rilasciata dalla procedura, che può essere stampata.

L’INPS trasmette telematicamente all’ASL la domanda di valutazione.

Al momento della trasmissione della domanda, l’INPS fornisce al cittadino la data e l’ora della convocazione alla visita medica presso l’ASL. In questa sede dovrà presentare tutta la documentazione clinica in suo possesso.

Talvolta la comunicazione arriva mediante SMS, in particolare per le domande ai sensi della legge 80/2006 (persone con patologie oncologiche o in fase terminale, che devono essere da convocare entro 14 giorni).

Il verbale dell’INPS verrà recapitato al domicilio se la domanda è stata gestita telematicamente direttamente, o presso il Patronato se si è scelti di essere assistiti dallo stesso.

Come richiedere il PIN all’INPS

Per presentare la domanda, il cittadino deve essere in possesso del PIN personale, che può essere richiesto:

    • direttamente all’INPS attraverso il sito www.inps.it(inserendo i dati richiesti saranno visualizzati i primi otto caratteri del PIN; la seconda parte del codice sarà successivamente recapitata per posta ordinaria);
    • in alternativa, per telefono al Contact Center INPS (803164).

I cittadini ai quali non può essere rilasciato il PIN attraverso le modalità sopra descritte, perché l’Istituto non dispone dei dati anagrafici, devono richiederlo direttamente presso gli uffici INPS (via Tripoli 14, Biella) portando con sé un documento d’identità valido, codice fiscale e tessera sanitaria.

Nota importante sulla compilazione del Certificato medico

In molti casi il Medico di Medicina Generale (Medico di Famiglia) è in grado d’inoltrare il certificato medico per via telematica all’INPS, essendosi registrati sul relativo sito internet.

Se il Medico di Medicina Generale (Medico di Famiglia) non è medico certificatore, l’utente dovrà rivolgersi a uno dei Patronati del territorio biellese, il quale avvierà la pratica in forma telematica.

Il certificato medico è sempre a pagamento.

Documentazione necessaria per l’accesso

    • Certificato medico
    • Codice Fiscale
    • Documento d’Identità valido
    • Tessera Sanitaria
    • Eventuale verbale di riconoscimento d’Invalidità civile di cui si fosse già in possesso
    • Documentazione medica aggiornata, quando si verrà convocati per la visita

 

Costo del servizio/prestazione

Sempre gratuito

Altre indicazioni sul costo

Il certificato medico è a pagamento, la domanda è gratuita, anche se presentata attraverso un patronato.

 

Erogatore del servizio/prestazione

Altro Ente Pubblico

 

Riferimenti utili

  • Distretto 1

Medicina legale Biella
Via dei Ponderanesi, 2 – Ponderano (BI)

Segreteria e sportelli (Lato Ovest – Primo Piano – Tetto giardino), attivi nei seguenti orari:

    • lunedì, martedì, mercoledì, giovedì, venerdì, dalle 8,30 alle 11,30
  • Telefono: 015 15159155
  • Ambulatorio per visite Medico Legali e Commissioni varie
    Satellite Ovest (Piano -1, simbolo nota musicale)

Visite Medico Legali

Accesso diretto senza prenotazione:

    • lunedì, martedì, mercoledì, giovedì, venerdì, dalle 8.30 alle 10.30
  • Su prenotazione:
    • lunedì, martedì, mercoledì, giovedì, venerdì, dalle 14 alle 15
  • La prenotazione può essere effettuata telefonicamente (015 15159155) o allo sportello dalle 10.30 alle 12.30.
  • Distretto 2

Medicina legale Cossato
Via Piero Maffei, 59  c/o Poliambulatorio di Cossato (Piano Terra)

    • lunedì, martedì, mercoledì, giovedì, venerdì, dalle 8.30 alle 11.30
    • lunedì pomeriggio, dalle 14 alle 15.30

Telefono: 015 15159446
Fax: 015 15159462
E-mail: medicinalegale.cossato@aslbi.piemonte.it

LE VISITE LEGALI NELLA SEDE DI COSSATO SONO EFFETTUATE SOLO SU PRENOTAZIONE, ANCHE TELEFONICA.

  • Patronati del territorio biellese
  • INPS sede Biella (Via Tripoli)

Telefono: 015 3504 499/514/421 (dalle 8.30 alle 12.30)