Descrizione del servizio/prestazione

OPUSCOLI DESTINATI AGLI UTENTI DISTRETTO 1:


In generale l’invalidità è una ridotta capacità di vita o di lavoro.

È riconosciuto invalido civile:

  • il cittadino (di età compresa tra i 18 e i 65 anni) che ha menomazioni congenite o acquisite, anche a carattere progressivo (compresi i malati psichici e le insufficienze mentali derivanti da difetti sensoriali e funzionali) e che ha una riduzione della capacità di lavoro non inferiore a 1/3;
  • il minore di anni 18 con difficoltà persistenti a svolgere compiti e funzioni proprie della sua età;
  • il cittadino con più di 65 anni che ha difficoltà a svolgere i compiti e le funzioni proprie della sua età.

Non sono considerati invalidi civili gli invalidi di guerra, del lavoro o per servizio, i ciechi civili e i sordomuti che sono tutelati da norme specifiche.

Le persone disabili o portatrici di handicap motorio possono fare richiesta di Riconoscimento condizione di handicap grave, Legge 104/92, che è compatibile con il riconoscimento dell’invalidità civile e può portare a ulteriori agevolazioni.

Prestazioni economiche per gli invalidi civili

Per avere diritto alle prestazioni economiche l’interessato deve avere un grado d’invalidità di almeno il 74%.

A secondo del grado d’invalidità, si ha diritto alle seguenti prestazioni:

    • assegno o indennità di accompagnamento, per gli invalidi totali (100%) che inoltre non sono autosufficienti, o non autonomamente deambulanti, di qualunque età (per l’anno 2019: euro 517,84 per 12 mensilità);
    • pensione d’inabilità, per gli invalidi totali (100%) di età tra i 18 e i 65 anni;
    • assegno mensile, per gli invalidi parziali (dal 74% al 99%) di età tra i 18 e i 65 anni;
    • indennità mensile di frequenza, per gli invalidi minori di anni 18 che hanno difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni della propria età.

Per saperne di più vedere anche:

Scheda: Riconoscimento condizione di handicap Legge 104/92

Scheda: Assegno o indennità di accompagnamento

Per informazioni generiche sull’invalidità civile: sito INPS

Prestazione

di tipo sanitario

 

Comuni su cui è attivo il servizio/prestazione

Andorno Micca • Benna • Biella • Bioglio • Borriana • Brusnengo • Callabiana • Camandona • Camburzano • Campiglia Cervo • Candelo • Casapinta • Castelletto Cervo • Cavaglià • Cerrione • Cossato • Curino • Donato • Dorzano • Gaglianico • Graglia • Lessona • Magnano • Massazza • Masserano • Mezzana Mortigliengo • Miagliano • Mongrando • Mottalciata • Muzzano • Netro • Occhieppo Inferiore • Occhieppo Superiore • Pettinengo • Piatto • Piedicavallo • Pollone • Ponderano • Pralungo • Quaregna Cerreto • Ronco Biellese • Roppolo • Rosazza • Sagliano Micca • Sala Biellese • Salussola • Sandigliano • Sordevolo • Strona • Tavigliano • Ternengo • Tollegno • Torrazzo • Valdengo • Valdilana • Vallanzengo • Valle San Nicolao • Veglio • Verrone • Vigliano Biellese • Villa Del Bosco • Villanova Biellese • Viverone • Zimone • Zubiena • Zumaglia

 

Destinatari del servizio

Persone con ridotta capacità di vita o di lavoro, non derivante da cause di lavoro, guerra o servizio.

Requisiti

  • I destinatari devono avere la seguente età: qualunque età
  • Hanno accesso alla prestazione/servizio i cittadini con una percentuale d’invalidità di: per l’erogazione del servizio non è necessario il riconoscimento d’invalidità civile
  • Possono accedere alla prestazione/servizio le persone di cittadinanza: italiana, comunitaria ed extracomunitaria

Altri requisiti: nessuno

 

Iter di accesso al servizio

Dal 2010 le domande per il riconoscimento dello stato d’invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità, complete della certificazione medica attestante la natura delle infermità, devono essere presentate all’INPS per via telematica (e non più alla Medicina Legale dell’ASLBI).

NB: La domanda può essere presentata anche tramite:

  • le associazioni di categoria (vedi ANMIC all’interno della scheda sui Patronati e anche le schede: Ente Nazionale per la Protezione e l’Assistenza dei Sordi (E.N.S.) e Unione Italiana Ciechi e degli Ipovedenti (U.I.C.I));
  • gli altri soggetti abilitati, a cui è possibile rivolgersi per la modulistica e l’assistenza.

Procedura telematica di richiesta Invalidità – Accompagnamento

Il cittadino si reca dal medico certificatore, il proprio Medico di Medicina Generale (Medico di Famiglia).

La certificazione medica può essere compilata dal medico solo online, sul sito internet www.inps.it. Il medico, dopo l’invio telematico del certificato, consegna al cittadino la stampa firmata, che dovrà essere esibita all’atto della visita, e la ricevuta di trasmissione con il numero di certificato.

Il cittadino, una volta ottenuto il proprio PIN personale (vedi sotto), si collega al sito internet www.inps.it e inserendo il PIN accede alla procedura di presentazione telematica della domanda. Alla domanda deve essere abbinato il numero di certificato telematico.

Dalla data di trasmissione del certificato da parte del medico, il cittadino ha 90 GIORNI di tempo per presentare la domanda.

L’avvenuta ricezione della domanda è attestata dalla ricevuta, rilasciata dalla procedura, che può essere stampata.

L’INPS trasmette telematicamente all’ASL la domanda di valutazione.

Al momento della trasmissione della domanda, l’INPS fornisce al cittadino la data e l’ora della convocazione alla visita medica presso l’ASL. In questa sede dovrà presentare tutta la documentazione clinica in suo possesso.

Come richiedere il PIN all’INPS

Per presentare la domanda, il cittadino deve essere in possesso del PIN personale, che può essere richiesto:

    • direttamente all’INPS attraverso il sito (inserendo i dati richiesti saranno visualizzati i primi otto caratteri del PIN; la seconda parte del codice sarà successivamente recapitata per posta ordinaria);
    • in alternativa, per telefono al Contact Center INPS (803164).

I cittadini ai quali non può essere rilasciato il PIN attraverso le modalità sopra descritte, perché l’Istituto non dispone dei dati anagrafici, devono richiederlo direttamente presso gli uffici INPS (via Tripoli 14, Biella) portando con sé un documento d’identità valido, codice fiscale e tessera sanitaria.

Nota importante sulla compilazione del Certificato medico

In molti casi il Medico di Medicina Generale (Medico di Famiglia) è in grado d’inoltrare il certificato medico per via telematica all’INPS, essendosi registrati sul relativo sito internet.

Se il Medico di Medicina Generale (Medico di Famiglia) non è medico certificatore, l’utente dovrà rivolgersi a uno dei Patronati del territorio biellese, il quale avvierà la pratica in forma telematica.

Il certificato medico è sempre a pagamento.

Documentazione necessaria per l’accesso

    • Certificato medico
    • Codice Fiscale
    • Documento d’Identità valido
    • Tessera Sanitaria

 

Costo del servizio/prestazione

Sempre a pagamento

Altre indicazioni sul costo

La procedura è gratuita ma il certificato medico è a pagamento.

 

Erogatore del servizio/prestazione

Altro Ente Pubblico

 

Riferimenti utili

  • Distretto 1

Medicina legale Biella
Via dei Ponderanesi, 2 – Ponderano (BI)

Segreteria e sportelli (Lato Ovest – Primo Piano – Tetto giardino), attivi nei seguenti orari:

    • lunedì, martedì, mercoledì, giovedì, venerdì, dalle 8,30 alle 11,30
    • Telefono: 015 15159155
  • Ambulatorio per visite Medico Legali e Commissioni varie
    Satellite Ovest (Piano -1, simbolo nota musicale)

Visite Medico Legali

Accesso diretto senza prenotazione:

    • lunedì, martedì, mercoledì, giovedì, venerdì, dalle 8,30 alle 10,30
    • Su prenotazione:
    • lunedì, martedì, mercoledì, giovedì, venerdì, dalle 14 alle 15
  • La prenotazione può essere effettuata telefonicamente (015 15159155) o allo sportello dalle 10.30 alle 12.30.
  • Distretto 2

Medicina legale Cossato
Via Piero Maffei, 59  c/o Poliambulatorio di Cossato (Piano Terra)

    • lunedì, martedì, mercoledì, giovedì, venerdì, dalle 8.30 alle 11.30
    • lunedì pomeriggio, dalle 14 alle 15.30

Telefono: 015 15159446
Fax: 015 15159462
E-mail: medicinalegale.cossato@aslbi.piemonte.it

LE VISITE LEGALI NELLA SEDE DI COSSATO SONO EFFETTUATE SOLO SU PRENOTAZIONE, ANCHE TELEFONICA.

  • Patronati del territorio biellese

Associazioni di categoria: ANMIC all’interno della scheda Patronati del territorio biellese e anche le schede: Ente Nazionale per la Protezione e l’Assistenza dei Sordi (E.N.S.) e Unione Italiana Ciechi e degli Ipovedenti (U.I.C.I).

  • Numero verde INPS: 803164